Articles Category

  • "La Carrara" tre storie incrociate

    Spettacolo di videomapping "La Carrara" tre storie incrociate venerdì 1 maggio 2015dalle 21.00...

  • 100x100=900

    To celebrate 50 years of videoart, conventionally recurrent on 2013, Magmart | video under volcano...

  • Agustin Sanchez

    Born in Mexico City. From 1988 to 1991 he attended the Academy of Fine Arts of the National...

  • Anomalie di percorso

    Anomalie di percorso Lungo il nostro percorso assistiamo a una serie infinita di eventi,...

  • Arcano #22

    ARCANO #22 Progetto partecipativo Il progetto Arcano 22 è composto da numerose rivelazioni che gli autori...

File not found

Il paesaggio perduto

Il dipinto di Lorenzo Lotto, Matrimonio mistico di Santa Caterina d’Alessandria del 1523, è circondato da un mistero che costringe chi contempla l’opera a immaginare un'ipotesi di paesaggio nella grande campitura lasciata libera alle spalle dei personaggi.

A quanto pare, documentato da una fonte che risale alla metà del '600 e riportato sulla scheda del dipinto, testimonia un fatto accaduto, raccontato da chi (a me piace pensare)  l’evento non l'ha vissuto ma semplicemente lo ha sentito raccontare a sua volta.

Il fatto narra di un soldato francese in fuga dopo l’occupazione di Bergamo, che incise la tela portando via con se il ricordo di un luogo, divenendo così l’ultimo custode di un paesaggio perduto ancora oggi nella memoria di chi l'aveva creato.

La fonte dichiara anche che, considerando il soggetto iconografico del dipinto, il paesaggio fosse la rappresentazione del monte Sinai, ma forse, il soldato francese non sarebbe d’accordo, dato che il souvenir non era altro che il ricordo di un luogo a lui caro.

Comunque siano andate le cose, la leggenda perdura e la finestra sul dipinto rimane ancora chiusa.

Il progetto File not found il Paesaggio perduto, parte da un'analisi storica e iconografica del dipinto, per arrivare a rappresentare, attraverso interpretazioni alternative dai diversi contenuti e significati, una visione contemporanea, di quella finestra ancora oggi murata.

File not found si ispira e prende dunque il suo nome, in maniera allegorica, dal codice 404 che nel mondo del web, rappresenta una pagina o un suo contenuto non trovato.

Agustin Sanchez

http://404.artescienza.eu